STREGONERIA E FEMMINISMO

La stregoneria è sempre esistita, così come le streghe. Donne sapienti, in grado di ascoltare il ritmo della natura e sintonizzarsi con i cicli lunari, di fornire medicamenti per lenire i traumi del corpo e della mente, di mettersi in contatto con i mondi spirituali, senza dover sottomettersi ad alcun Dio, e soprattutto senza dover obbedire ad alcun uomo. C’è qualcosa di più terrificante di una donna indipendente, sia sul piano materiale che su quello spirituale, che crea e distrugge senza dover chiedere il permesso o fare penitenza per i …

La lotta all’abilismo passa dal linguaggio

Articolo scritto insieme a Marina Cuollo Le parole sono importanti. Su questa affermazione in pochi avrebbero da obiettare. Il linguaggio, in tutte le sue forme, ci permette di esprimere le nostre idee, di comunicare e dare informazioni. Del resto anche David Foster Wallace scriveva che “la lingua è stata inventata per servire certi scopi specifici”. Il linguaggio però non è una cosa statica, evolve in base alle esigenze della comunità che lo abita. Nel caso dei mass media, se un certo linguaggio non si evolve, oppure esclude il pensiero delle …

DISABILITY WASHING: FACCIAMO ATTENZIONE

Articolo scritto insieme a Marina Cuollo Cos’hanno in comune un’azienda che sceglie un packaging color arcobaleno per un prodotto o decide di usare la frase “amica dell’ambiente” per riferirsi a una bottiglietta di plastica, e un brand che di punto in bianco organizza una campagna di marketing sulla sessualità deidisabili senza avere alcuna competenza in materia?Esiste un comune denominatore in queste pratiche, ed è quello di sfruttare l’attivismo legato a specifiche tematiche di tipo sociale attraverso messaggi di marketing fuorvianti e poco attinenti con le vere ragioni di quel movimento. …

CAT-CALLING E ABILISMO

Durante il lockdown, ho tenuto un workshop dal titolo “Non c’è femminismo senza lotta all’abilismo” , per la Rete Donne Transfemminista di Arcigay (1). Studiando e preparandomi per il corso, ho strabuzzato gli occhi di fronte alla realizzazione che il femminismo non ha mai preso seriamente in considerazione le istanze delle donne con disabilità, non tenendole mai in considerazione nemmeno nel femminismo intersezionale, al contrario, ad esempio, delle donne lgbtqia+ o delle donne di colore, o di altri fattori discriminanti come la classe sociale e il capitalismo. Eppure le donne con …

Concerti in Arena: in carrozzina vietato vedere

Lunedì 2 settembre 2019 sono stata con il mio ragazzo al concerto degli Evanescence, organizzato da Vivo Concerti in Arena di Verona. Ho pagato regolarmente il mio biglietto dopo aver eseguito ancora a maggio tutto l’iter per il posto destinato alle persone con disabilità, e mi hanno posizionata nello spazio che in Arena è destinato alle persone in carrozzina, ossia di fianco alle poltrone in platea, una persona in carrozzina per fila, con vicino a me il mio ragazzo seduto sulla poltrona. Nella nostra fila eravamo in sei in carrozzina. Quando sono entrati gli …

Perché abbiamo bisogno della giornata internazionale contro l’omotransfobia?

17 maggio: è la Giornata Internazionale contro l’Omofobia, la Bifobia e la Transfobia. Istituita nel 2007 dall’Unione Europea, la scelta della data ha una motivazione specifica: infatti il 17 maggio 1990 è il giorno in cui l’Organizzazione mondiale della sanità eliminò l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali. Nonostante siano passati quasi 30 anni da questa decisione, gli episodi di omotransfobia nel nostro paese rimangono drammaticamente alti, e l’ignoranza dilaga, facendo sì che, anche a livello legislativo, le persone omosessuali e transessuali siano derubate dei diritti fondamentali per i cittadini. Cosa sia l’omo/bi/transfobia …

Se vuoi essere femminista, devi essere vegan

Poco tempo fa un’accesa discussione ha sconvolto i forum e i social degli amanti del metal.  Alissa White-Gluz, cantante degli Arch Enemy, è stata intervistata dalla rivista inglese Kerrang! [1] durante una cena con quattro musicisti vegani -Doyle dei THE MISFITS, John Joseph dei CRO-MAGS, Alissa White-Gluz degli ARCH ENEMY e Sergio Vega dei DEFTONES –  “Da unica donna presente a questo tavolo, voglio dire una cosa. Tutta l’industria casearia e la produzione di uova, sono uno sfruttamento del ciclo riproduttivo femminile. Ecco perché sempre più spesso le vegane dicono che …

Il riscatto del corpo disabile

La body positivity è un movimento sociale radicato nella credenza che tutti gli esseri umani devono avere un’immagine del proprio corpo positiva, sfidando le diverse modalità in cui la società rappresenta la fisicità. Centro focale di tale movimento è l’accettazione di tutti i corpi, a prescindere dalla forma o dall’apparenza, impostando come fine l’abolizione di standard di bellezza irrealistici e finti e la costruzione della self-confidence, ossia dello stare bene e a proprio agio con il proprio fisico e la propria corporeità (1). Se il movimento body positivity moderno è emerso grazie all’accettazione del grasso alla …

Abilismo: è ora di parlarne

Razzismo, sessismo, classismo, specismo: tutti ne conosciamo il significato.E se vi dico abilismo, sapete cosa indica? L’abilismo è l’atteggiamento discriminatorio nei confronti delle persone con disabilità. Deriva dall’inglese ableism – termine più diffuso e usato negli ambienti americani- o disableism –principalmente utilizzato nel territorio britannico -, e ha iniziato a diffondersi come parola alla fine degli anni ’80. Comprende sia le azioni più eclatanti, come impedire l’accesso a determinati luoghi o informazioni a causa di barriere architettoniche e sensoriali, che quelle più sottili e infime, ad esempio usare il nome di determinate disabilità per …

Damien Echols, la caccia alle streghe e la magia nel braccio della morte

Oggi voglio raccontarvi una storia.Un pomeriggio di maggio del 1993, nella piccola cittadina di West Memphis, in Arkansans, scomparvero tre bambini di otto anni. I loro corpi furono ritrovati il giorno dopo, nudi e legati con i loro lacci delle scarpe, orrendamente picchiati e gettati in un torrente. La scena del crimine non fu mai messa sotto sicurezza, molti indizi vennero distrutti, l’unica cosa plausibile per la polizia di West Memphis era pensare ad un sacrificio di origine satanica. Il giorno dopo fu chiamato un funzionario che si interessava dei …