Sofia Righetti http://www.sofiarighetti.it Mon, 21 May 2018 13:24:03 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=4.9.6 http://www.sofiarighetti.it/wp-content/uploads/2016/07/cropped-logoyoutube-32x32.png Sofia Righetti http://www.sofiarighetti.it 32 32 THE FIT AND THE FURIOUS: SOFIA RIGHETTI http://www.sofiarighetti.it/2018/05/21/the-fit-and-the-furious-sofia-righetti/ http://www.sofiarighetti.it/2018/05/21/the-fit-and-the-furious-sofia-righetti/#respond Mon, 21 May 2018 13:14:20 +0000 http://www.sofiarighetti.it/?p=588 Nel 2015 mi è stata fatta una bellissima intervista  da un sito americano che promuove il fitness, il metal e la dieta vegana, Metal Made Fitness. Ho deciso di riproporvelo qui, per gli amici che conoscono l’inglese e anche perché sono davvero fiera di aver posato con la loro bellissima maglia.

Il link del sito con l’intervista lo potete trovare qui:  https://metalmadefitness.com/2015/05/20/the-fit-and-the-furious-sofia-righetti/

 

THE FIT AND THE FURIOUS: SOFIA RIGHETTI

In the year 2015, people seem to need to find motivation from anywhere they can grab it. Whether it be from the internet, memes, or list articles, the concept of just making a fist and punching your way through something because you want to is becoming a lost art. We take the simple things for granted and find proud accomplishments in sometimes mundane tasks and want worldwide recognition for it. So when you look to someone who perhaps could be a source on inspiration or motivation we tend to look to people who were born with genetic gifts to have ridiculously low body fat percentages, or even born into celebrity families to think maybe we could use that to kick ourselves in the ass.

I’ll tell you right now, if you need motivation to know without a doubt you can do anything you set your mind to, look no further than Championship Skier Sofia Righetti. When she was born, Sofia encountered a major complication when the doctors made a grave error during a heart procedure that didn’t allow blood to reach her spinal cord. Due to this, she lost the use of her legs from that day. Her parents fought for her in court to expose the error of the medical staff, and were able to get the courts to recognize the major mistake the doctors made during the procedure. Growing up though, Sofia looked at this as not a negative but a positive way to learn to overcome anything from a young age, with the support of her wonderful family. If someone told her “you can’t” her posi-mindset instantly said “well, how bout yes I can do that” would take over. For instance, playing guitar in punk bands growing up. Or modeling. Or how bout gold and silver finishes at the Italy Paralympic Championships? Yes you read that right. This plant based athlete refuses to be told she cannot do something, by anyone. And with an insane amount of dedication to being the absolute best possible, she managed to reach the gold medal in just around two years experience. With an iron will as such, you can bet dollars to doughnuts she’s just getting started on her path of athletics, competition and spreading an amazing message of motivation to anyone who wants to read it. Read our recent conversation with Sofia, and prepare for your motivation game to be taken to a new level.

MMF: For our first question, can you tell the readers a bit about your “disability (you’re more like superwoman to us, but you know what we mean….I dislike the word disabled personally…)” and when you started skiing…..

Sofia: Sure, and thank you for calling me “superwoman”! When I was born I had a congenital heart disease, and I got an urgent surgery at the age of 5 months! The surgery went good, but during it doctors didn’t notice that my blood was not reaching spinal cord! The result was a spinal cord ischemia in the lumbar, that took me away the use of legs! For me that’s not a problem, and it has never been, I’m lucky that mother nature gave me a strong and handsome body, so since i was a baby I have learned to do everything I wanted to do using my arms, shoulders, abdominals, and everything my body allowed me to do. I’ve never cared about what I could or couldn’t do! I think this is the key of feeling good with your own body and with yourself…. betting everything on your own potential and on your own capacity, without lingering on limits! Then you’ll see, as if by magic, those limits will disappear. I actually think as you do, I’ve never considered myself as a disable, as I see disability as a physical feature, as the fact of having the eyes of a certain color, or hairs of another! Every feature, it brings advantages and disadvantages! I sure cannot do squat when I’m at the gym, but I sure can lift more than lot of men around me!

So I started skiing in 2012, when i was 23 and I had never played sports before in my life….so I wanted to try something new, that could give me the same adrenaline I felt while I was playing guitar during a show! Alpine skiing was what I was looking for, with all that speed heading down the black slope, sitting on a monoski made by carbon and motocross shock absorber! It’s almost like riding a motorbike (laughs)

MMF: At what point did you figure out that “hey I might be good enough to go for the Italian Skiing Championships”? That’s a pretty big goal for anyone to go for!

Sofia: I started right away with an agonist mindset. I didn’t want to do 4 hours of driving to reach slopes just to spend my time and have fun. More so, my instructors noticed that I was good and I had a great sense of balance, then I started training with experts and qualified instructors to face poles and ski races. I’m a very competitive person and always get involved to be the best, so I worked hard and I trained a lot for Italian Skiing Championships, but it was a goal I had in mind since the first times I started skiing. And listening to Motley Crue, Testament, Pantera and the likes gave me so much energy like no drug ever would! I love music so much, and I played electric guitar for years in punk and metal bands. Listening to metal music is like pumping fuel in my veins every time, I love the way it makes me feel, so strong and powerful. My way of facing life is truly expressed in the music I listen and I love, and that energy I brought with me to become a Skiing Champion.

MMF: Describe how it felt to get gold and silver medals. It’s a dream for anyone to reach the top of a sport, but you did it on the biggest possible stage available.

Sofia: It was a unique, unbelievable and crazy feeling. The silver in slalom happened because I fell on the way down, and it took seconds to stand up again and continue my race with the best concentration. It was a great satisfaction to reach 2nd place despite of the fall, and counting that I started to practice between close poles just 3 months before. The day after there was the giant slalom, my specialty, and once I finished my race I heard speakers saying “Sofia Righetti maintains 1st place…” I just couldn’t believe it, I started to realize what was going on when I saw my instructor coming to me with tears in his eyes out of happiness. That was a beautiful day, surrounded by people who love and support me. Skiing is about strength, but also about technique and strategy, it takes a tiny error to make you throw it away, since sitting skiers like me have just one ski, and they cannot correct using the other ski, as standing skiers can do. To become a champion after two only years of training is such a great great satisfaction.

MMF: So when did you decided to go vegan and make that a part of your lifestyle?

Sofia: Even as a child I always had a great love and respect for animals, and I have always empathized with them. Unfortunately I do not come from a vegetarian family, and it was not easy when I was so small to make my parents understand that I did not want to eat meat no more. I became a vegetarian definitely at 14 years old, and I have passed through adolescence making me an active party for animal rights by making people aware of the atrocious conditions in which the non-human individuals in our society are forced in, both in terms of livestock, slaughter houses, fur trade and animal testing. I then graduated at the University of Bologna in philosophy of medicine with a thesis against animal testing, by obtaining the highest marks. I became a vegan in 2012, it has been a gradual process. Even before I avoided milk and eggs, but definitely becoming vegan was the greatest act of love that I could do for animals, the planet, and also myself. Many people do not know all the pain and cruelty that lie behind the production of milk, eggs, cheese and dairy products, but unfortunately it is so. And the animals are treated as objects, machines geared for the sale of food that man It does not need to feed it, and I can not accept it and do not want to comply with that.

And being vegan is easy, as there are lots of products full of protein that taste delicious like seitan, tofu, tempeh, soy, mopur … and then the vegetables, fruits, legumes, cereals … Nature offers already everything we need to live in full health. Obviously also regarding clothes and shoes I am very careful to choose objects not made of leather, wool or feather duster. But it is also easy here, many production companies are adapting to the growing awareness of the people, making high quality products and cruelty free. Becoming a champion of Italian skiing was amazing because I could prove that you can be strong, athletic and strong and get to higher levels of competitive sport following nutrition plan that does not completely involve animal suffering. Many people are doctors and nutritionists in sports who follow vegan athletes, just as there are more and more athletes of any discipline who are vegans. Besides skiing, I practice hand bike, gym and a bit ‘of crossfit, and have always been strong, toned and muscular, I never had problems with nutritional drops

MMF: Who are your biggest inspirations?

Sofia: Every single person who has fought for the ideals of love and respect for other forms of life, and that continues strongly with the joy of the heart. All these people, who may be the philosopher Tom Regan and Gary Francione, the actor Jacquin Phoenix or even the singer Morrissey, the singer Alissa Withe-Gluz are great people and wonderful to me, and to think that “I am not alone” and that we in many to take practical action for a better world fills my heart with hope. Even those who are spreading an idea of disability as strength and power, not as “bad luck” is my very great sources of inspiration: I first do conferences (I’ve just been a TED speaker, in Verona) talking about disabilities as potential and not as a limit, so that maybe one day there will be no difference between disabled and non-disabled, and who knows … maybe the Olympics and Paralympics can expect celebrated in the same day, many athletes with different characteristics.

MMF: Between being a championship skier, model, learning to play guitar….it sounds like you are able to do anything you put your mind to. What are some of the next set of goals you have?

Sofia: Thank you very much again! Now I am dedicated to hand bike and workouts in the gym, and I’m always looking for sponsors because here in Italy no national sports company will finance anything. I had to pay coaches, equipment and travel with my money and I assure you that skiing is a really really expensive sport. I always want to try new sports too, so I’m more than happy to try something every new chance that comes around. I really hope to find some sponsors who support me, because I live for competition, and maybe I’ll win again! As I wrote before, I also keep conferences on sport / disability / vegan life, I manage a Facebook page: http://www.facebook.com/sofiarighetti, where people can follow me in my various sport adventures and have advice for a vegan lifestyle. I care very much to my fitness and to my peace of mind, to be an inspiration to all people, disabled or not, who want to undertake a healthy lifestyle and respect for other creatures, and reach to forward that self confidence I’m lucky to have. Being a model of strength, determination and empathy doing all I can to improve the lives of other individuals, human or otherwise, it is an important milestone and I am grateful if I can succeed with my purpose.

Follow Sofia on Facebook

]]>
http://www.sofiarighetti.it/2018/05/21/the-fit-and-the-furious-sofia-righetti/feed/ 0
Diritti LGBTI – Bisogna ancora parlarne? http://www.sofiarighetti.it/2018/05/03/diritti-lgbti-bisogna-ancora-parlarne/ http://www.sofiarighetti.it/2018/05/03/diritti-lgbti-bisogna-ancora-parlarne/#comments Thu, 03 May 2018 14:55:20 +0000 http://www.sofiarighetti.it/?p=430/ Qualche settimana fa sono  stata invitata a partecipare a una puntata del talk show in onda su TeleArena Formidabili, un format molto fresco e giovane, dove in ogni puntata vi sono dei ragazzi delle superiori o inizio università che si trovano a parlare e confrontarsi su temi di attualità e che portano le nuove generazioni a riflettere su loro stessi e sul mondo che li circonda. A seconda del tema trattato vi sono degli ospiti che per lavoro, caratteristiche personali o data la loro professionalità in materia, vengono invitati per rispondere alle domande dei ragazzi, il tutto magistralmente diretto dalla conduttrice Valentina Burati.

Non era la prima volta che ho partecipato, sono stata presente alla puntata riguardo la disabilità, alla moda e bellezza e a quella sulla sessualità e malattie trasmissibili come l’HIV, e le puntate si sono svolte con brio, freschezza e intelligenza.

La puntata di cui sto parlando è stata l’ultima cui ho partecipato e che era incentrata sui diritti LGBTI, e quando Valentina mi propose di partecipare accettai con grande entusiasmo, dato che mi considero da sempre una grande alleata delle persone LGBTI (e quando dico da sempre intendo fin dalle prime elementari, quando mi innamorai follemente della voce e della presenza di Freddie Mercury e mi lessi tutte le biografie disponibili ai tempi).

Dentro di me pensai che sarebbe stata una puntata abbastanza “piatta”, conoscevo i ragazzi che in genere partecipavano a Formidabili ed ero sicurissima che saremmo stati d’accordo su tutto ciò che riguarda i diritti delle persone LGBTI, matrimonio e adozione compresa, e che non vi sarebbe stata traccia del tipico bigottismo provinciale.

Purtroppo mi dovetti ricredere in brevissimo tempo.

Insieme a me erano presenti come ospiti Michele Vaccari, rappresentante di Arcigay Verona, Leonardo Sartori e direttamente da Vicenza Sofia Girardello insieme a Nicola Noro di Arcigay Vicenza.

Durante la puntata sono uscite le frasi più becere e ignoranti, tra cui:

“i gay fanno le vittime e si ghettizzano da soli”

“ i diritti li hanno già tutti”

“il Gay Pride non serve a nulla, è solo un’esibizione”

“ È contro-natura”

“I gay si sentono donne, per quello hanno il boa e il perizoma” 

“ Anche io ho tanti amici gay ma la famiglia tradizionale…” 

“ Anche gli eterosessuali vengono aggrediti”

“ Se facciamo un Gay Pride dovremmo fare anche un Biondo Pride”

“ Avete già le unioni civili, a cosa vi serve il matrimonio?”

Poiché purtroppo ho avuto solo un paio di volte il microfono in mano, e -purtroppo o per fortuna – non sono la persona che scavalca per abbrancarlo o parla sopra agli altri, ho deciso di scrivere questo breve articolo per spiegare delle cose fondamentali che non sono state evidenziate abbastanza durante la puntata:

1)L’omosessualità è NORMALE e NATURALE, esattamente come la bisessualità e l’eterosessualità. Esiste in natura tra gli animali non-umani e tra gli esseri umani, ed è stata osservata in più di 1500 specie animali. Non è contro natura, non è una malattia, non è una deviazione sessuale. Non è una scelta ma una caratteristica data dal caso, esattamente come avere i capelli biondi o la pelle di un certo colore, È dal 1990 Che L’OMS la definisce una variante naturale del comportamento umano, quindi è ora di aggiornare un po’ le sinapsi e provare a riflettere sul perché, invece, continuano a persistere individui e gruppi politici con atteggiamenti aggressivi, discriminatori e omofobi nei confronti delle persone LGBTI.

2) Viviamo in una società in cui se sei gay sei ancora discriminato. Moltissimi ragazzi LGBTI sono vittime di bullismo a scuola,  bullismo che diviene causa di un alto numero di suicidi.  Non solo i coetanei, ma molte famiglie hanno difficoltà ad accettare l’orientamento sessuale del figlio, i quali si ritrovano o sbattuti fuori di casa o a vivere nascondendo il proprio essere, se non peggio costretti ad andare da “psicologi” con l’obiettivo di riportarli sulla strada dell’eterosessualità (sembra impossibile in una società civile ma purtroppo succede anche questo).

3) Il fatto che le persone omosessuali debbano ricorrere alle unioni civili per avere un minimo di tutela in quanto coppia è una discriminazione, non solo poiché nelle unioni civili non sono contemplate l’adozione, la stepchild adoption o l’obbligo di fedeltà, ma in quanto si tratta di due istituti diversi, in cui, a differenza delle persone eterosessuali, non si ha possibilità di scegliere se ricorrere al matrimonio o alle unioni civili. Non importa quanto simili possano essere e quante tutele possano garantire. Se vi fosse una legge che permette ai sardi di unirsi in un vincolo solo attraverso le unioni civili e che proibirebbe loro di sposarsi tramite il matrimonio, non sarebbe discriminante? Sì, ovvio che sì. La legge Cirinnà è stato un passo enorme per tutelare le coppie omosessuali, visto che l’Italia era uno dei pochi paesi europei a non fornire alcuna forma di garanzia, ma continueremo a lottare fino a che non ci siano più istituzioni diverse per “coppie diverse”, fino a che tutti i cittadini possano scegliere liberamente se accedere o meno all’istituzione del matrimonio, a prescindere dall’orientamento sessuale.

4) La famiglia tradizionale ha così tante possibilità di crearsi o modificarsi che non credo si possa nemmeno parlare di famiglia tradizionale.  A causa di divorzi o per la morte prematura del partner vi sono famiglie in cui i bambini sono cresciuti solo con il papà, altre solo con la mamma, altre addirittura con i nonni. Non ho mai sentito nessuno obiettare contro mamme che crescevano da sole i bambini senza la figura paterna, e gli studi accademici dimostrano che i bambini cresciuti nelle famiglie omogenitoriali hanno uno sviluppo totalmente normale e per niente diverso da quelli non cresciuti in una famiglia arcobaleno. Porre un “MA” dopo la frase “anche io ho tanti amici gay” è quanto di più triste si possa dire, ed è emblema di tutti i pregiudizi che sono ancora ancorati nella mente delle persone. Sicuramente sarebbe meglio non aver nessun amico gay, ma riconoscerne e rispettarne i diritti civili e umani.

5) Il Gay Pride è un evento fondamentale per ribadire che non vi è nulla di vergognoso dell’essere gay, lesbica, trans, bisessuale o altro. In questa manifestazione si dimostra che si è orgogliosi di essere chi si è, che esistiamo, che siamo cittadini, che siamo esseri umani con uguali diritti, e tali diritti devono essere rivendicati, quali il diritto di lavorare, di esprimersi, di amare la persona che si vuole, di poter girare per strada senza la paura di venir pestati. È un evento spesso colorato, pieno di allegria, musica e colori in cui ognuno  è libero di esprimere il suo essere. Quelli che ritengono che per avere credibilità si debba sfoggiare giacca e cravatta è perché ragionano ancora secondo criteri eteronormativi, troppo angusti e ristretti per abbracciare le meravigliose sfaccettature dell’essere umano. Non vi sarà mai un “Biondo Pride” perché nessuno viene discriminato se ha i capelli biondi, così anche un “Etero Pride” sarebbe ridicolo e fuori luogo, in quanto nessuna persona eterosessuale viene discriminata perché etero. Scendere in piazza, camminare per strada, fare i cortei sono da sempre uno dei modi più diretti ed efficaci per richiedere diritti negati e per attirare l’attenzione della società, che altrimenti rimarrebbe sorda. Lavoratori, afro-americani, suffragette, femministe sono sempre scesi per combattere discriminazioni di etnia e genere e per chiedere parità ed eguaglianza. Per questo è fondamentale che le persone eterosessuali vadano al Gay Pride, poiché qui si tratta di diritti civili e diritti umani che riguardano ognuno di noi, senza alcuna eccezione. Dobbiamo esigere la parità giuridica, legislativa, politica e di trattamento per ogni essere umano, anche se, a causa della lotteria naturale e sociale, non siamo noi ad essere discriminati (ma non dimentichiamoci che potremmo sempre esserlo in futuro).

6) Non tutti gli uomini omosessuali si sentono donne. L’identità di genere e l’orientamento sessuale sono cose ben distinte e che non devono essere confuse: ci sono uomini che sono perfettamente a loro agio con la loro mascolinità e con la loro corporeità che sono attratti da altri uomini, e ci sono uomini (e donne) che non si identificano nel corpo con cui sono nate e che possono essere attratti o attratte da uomini o da donne. È normale ed è naturale, e fa tutto parte delle meravigliose sfaccettature umane di cui si parlava sopra. Non dimentichiamoci che anche le persone bisessuali, transessuali, intersex e gender fluid, in quanto l’essere umano non può essere castigato secondo criteri binari.

7) Nessun eterosessuale verrà mai aggredito per strada o bullizzato in quanto eterosessuale, nessuno verrà mai a prenderti a calci urlando “ Etero di merda, tua madre dovrebbe vergognarsi”, cosa che invece accade ancora nel 2018 nei confronti delle persone LGBTI, e i casi recenti di cronaca di Parma, Roma e Bologna, in cui ragazzi sono finiti in ospedale a causa di pestaggi causati semplicemente dal loro non essere eterosessuali, non sono che il triste esempio di questo. Una legge contro l’omofobia ancora non è stata approvata in Italia, vi è la legge contro il razzismo che non è applicabile ovviamente in questi casi, e in caso di pestaggi ed aggressioni in cui il movente è l’omofobia o la transfobia non vi è ancora alcuna aggravante, aggravante che diviene indispensabile per combattere il clima omofobico che ancora aleggia nella nostra società.

Ho scritto questo articolo di getto, poiché sono una cittadina che combatte per la parità di tutti, e poiché sono un essere umano ho il dovere di combattere per i diritti LGBTI, contro l’omofobia, contro la repressione e per la libertà di ognuno di noi di vivere una vita degna.

Spero di essere riuscita a chiarire alcuni concetti chiave che non sono riuscita ad esprimere durante la trasmissione, e che spero presto diventino banali e normali, senza dover spiegarli ogni volta che si parla di diritti LGBTI, e spero ancora di più che un giorno non ci sia nemmeno più bisogno di puntate televisive dove la questione sono i diritti LGBTI (così come non si discute dei diritti etero), poiché saranno talmente inclusi nella società che si parlerà soltanto di diritti umani.

 

 

]]>
http://www.sofiarighetti.it/2018/05/03/diritti-lgbti-bisogna-ancora-parlarne/feed/ 1
Meglio la bara che la sedia a rotelle http://www.sofiarighetti.it/2017/07/18/meglio-la-bara-che-la-sedia-a-rotelle/ http://www.sofiarighetti.it/2017/07/18/meglio-la-bara-che-la-sedia-a-rotelle/#comments Tue, 18 Jul 2017 12:39:38 +0000 http://www.sofiarighetti.it/?p=407/ C’è un video molto bello che mi ha dedicato FanPage.it e che circola sul web.

In questo video si vedono alcune delle parti salienti della mia vita, è un video tributo splendido, forte, pieno di foto mie personali e che la bravissima Anna Chiara ha fatto senza ombra di pietismo, ma ricco di passione e bellezza che a tratti sconfina (grazie soprattutto alla musica) nell’ epicità, e che ha fatto sorridere sia me che la mia famiglia quando l’ho visto in anteprima.

Guardando questo video da esterna, si vede una ragazza forte, determinata, che ha avuto una vita felice e piena di soddisfazioni, che è riuscita a portare a casa ciò che voleva. Fantastico! Questo è il messaggio che voglio far arrivare ovunque, ad ogni persona, e per ogni persona (poiché al mio posto potrebbero esserci tantissime altre persone disabili che hanno ottenuto tantissimo).

Che non camminare, spostarsi su una carrozzina non impedisce nulla, non ti pone in difetto e che puoi esprimere tutto il tuo potere, la tua bellezza, il tuo essere senza “nonostante”, senza “se”, senza “ma”, facendolo sgorgare di luce come un fiume in piena. E questo vale per ognuno di noi, per tutte le persone in carrozzina, per le persone cieche, per le persone bipedi, per le persone con un’amputazione, per chiunque.

Eppure pare che questo messaggio così esplicito nel video non sia arrivato a molti utenti del web.

Non avete idea di quanti commenti siano stati scritti da persone che, in una “buona” fede, scrivevano: “ Brava Sofia, hai tutta la mia stima. Quando noi ci lamentiamo delle piccole cose, dobbiamo pensare a te”

“Sei un esempio per chi si trova nelle tue stesse condizioni soprattutto per chi si lamenta di sciocchezze”.

Ma il clou è stato di una certa signora: “Sinceramente, che lei si senta serena in questo stato le fa onore… Io ho provato cosa significa stare su un sedia a rotelle e davvero, preferirei una bara!”

Iniziamo ad analizzare queste considerazioni.

Credere che dobbiamo pensare a qualcuno, quando ci succede qualcosa, per consolarci, significa ritenere che quel qualcuno sta peggio di noi. Significa sminuirlo, degradarlo, umiliarlo. A chi piacerebbe sentire che gli altri lo considerano un poveretto, uno sminuito? A chi piacerebbe sentire umiliato il proprio ego poiché le persone vedendolo pensano “ c’è chi è messo peggio”, e quindi trovano un sollievo verso le piccole scocciature quotidiane? A nessuno, sono sicura.

Questo atteggiamento può essere ricondotto in ciò che la psicologa Stella Young definisce come inspiration porn, pornografia ispirante, perché riduce ad oggetto una categoria di persone a beneficio di un’altra, in questo caso le persone disabili a beneficio di quelle non disabili.

Ma siamo davvero sicuri che la vita di una persona disabile sia tremenda e sofferente come quella che queste persone si immaginano? Pregna di cotanto dolore e destino avverso da rendere queste persone degli “eroi” e delle “guerriere”, che non si lamentano delle sciocchezze come tutti?

Nel 2017 sono ancora così radicati i pregiudizi di chi crede che basti una carrozzina, o un arto amputato, per rendere la vita una disgrazia contro cui bisogna lottare ed emergere? Ebbene, amici miei, vi svelo un segreto: non solo le persone disabili si lamentano per delle “sciocchezze”, come una relazione finita, il mutuo da pagare, un raffreddore o il taglio dei capelli dal parrucchiere, ma possono avere una vita infinitamente più felice ed appagante della vostra. Possono (ma anche no), semplicemente perché siamo tutti esseri umani che cercano di vivere al meglio la propria vita, e non è un braccio in carbonio o un bastone a rendere l’esistenza triste e misera.

Ora passiamo alla seconda frase: “ ho provato cosa significa stare su una sedia a rotelle e davvero, preferirei una bara”.

Se DAVVERO questa signora avesse provato cosa significa stare su una sedia a rotelle, non se ne sarebbe mai uscita con una merde del genere. Rompersi un piede e muoversi per due settimane con una sedia a rotelle, non significa sapere cosa sia il senso dello stare su una carrozzina. Mancano i processi di adattamento, manca la consapevolezza di sé e del proprio mezzo, manca il divertimento, il senso di riscatto e di rivincita per chi ha avuto una paresi da adulto, manca l’assaporare la libertà che la carrozzina dona a tutti noi che abbiamo una paralisi o che per un motivo o per l’altro non possiamo muoversi con le nostre adorabili gambe.

Dire “ preferirei morire che essere in carrozzina” non solo denuncia un’ignoranza imbarazzante di chi parla senza alcuna cognizione di causa, ma offende tutte le persone che vivono in carrozzina. Vivono una vita piena, normale, con i momenti di felicità e di tristezza, come ogni essere umano. Pensare, e dire a una persona che preferirebbe essere morta che avere una sua caratteristica fisica, è un’offesa e un’insulto dei più beceri e stolti, che ben evidenzia la vasta ignoranza di chi la pronuncia, e non fa altro che alimentare il pietismo senza senso di cui, davvero, non se ne può più.

“Preferirei essere morto che essere frocio”, “Preferirei essere morto che essere negro”, “Preferirei una bara che essere grasso”  “Meglio una bara che essere in carrozzina” sono frasi che non esprimono un’opinione personale, ma denotano disprezzo per tutte le persone gay, africane, sovrappeso, disabili e che sono espresse senza nemmeno sapere, conoscere, senza alcuna forma di intelligenza razionale.

“ Meglio la bara che la sedia a rotelle”, “Meglio la bara che essere froci” sono frasi di una tristezza aberrante, esempio eclatante dell’omofobia e dell’abilismo che ancora deturpano la nostra società, e se qualcuno ti offende in questo modo, hai il pieno diritto di rispondere per le rime e ricacciare al suo posto il deficitario di cognizione di turno.

La stupidità non è una scusa, ricordiamocelo sempre.

E siate sempre fieri di voi stessi, del vostro essere e della vostra persona. Rispondete con orgoglio a chi vi offende, traboccate sempre di energia e di consapevolezza del vostro valore, e d’altra parte, come dice un mio amico, ricordate anche che se la persona è nulla, l’offesa è zero.

Sofia

Il video di FanPage lo trovate sulla mia pagina Facebook www.facebook.it/sofiarighetti

 

“Lo stupido è una persona che causa un danno ad un’altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé o addirittura subendo una perdita”. Carlo M. Cipolla

]]>
http://www.sofiarighetti.it/2017/07/18/meglio-la-bara-che-la-sedia-a-rotelle/feed/ 2
E’ uscita la web-serie “SofiaRocks” http://www.sofiarighetti.it/2016/12/15/e-uscita-la-web-serie-sofiarocks/ http://www.sofiarighetti.it/2016/12/15/e-uscita-la-web-serie-sofiarocks/#respond Thu, 15 Dec 2016 10:04:59 +0000 http://www.sofiarighetti.it/?p=387 sofiarocksCiao ragazzuoli!

Lo so, è da tantissimo che non aggiorno il sito, ma intanto ho una mega notizia per voi: finalmente stanno uscendo le puntate della web-serie cui ho lavorato quest’anno, intitolata “SofiaRocks” : cinque puntate per esplorare insieme il mondo della disabilità (e non solo) attraverso cinque temi diversi: Arte, Sport, Sesso, Lavoro e Università.
Vestirò apposta per voi i panni della vlogger, con l’obiettivo di dimostrare che alla fine non esistono poi tante differenze tra persone disabili e non disabili, in quanto ogni individuo è portatore sano di ricchezze inestimabili e talenti preziosi… sempre se la società è pronta a fornire un terreno fertile ed inclusivo ad ogni tipo di caratteristica fisica dei suoi cittadini.

“SofiaRocks” è prodotta da AGENDA e Filandolarete,  e potete trovare le puntate:

sulla pagina facebook www.facebook.com/sofiarocks anche

sul sito www.sofiarocks.it

sul sito di repubblica.tv

e sul canale youtube scrivendo “sofiarocks” il cui trailer vedete qui sotto:

Fatemi sapere cosa ne pensate! 🙂

NB: la pagina facebook di “SofiaRocks” e il sito internet NON sono gestiti da me, ma dalla produzione!

 

Baci a tutti!

xxx

 

 

]]>
http://www.sofiarighetti.it/2016/12/15/e-uscita-la-web-serie-sofiarocks/feed/ 0
Perché, in fondo, Tiziana se l’è cercata. http://www.sofiarighetti.it/2016/09/15/perche-in-fondo-tiziana-se-le-cercata/ http://www.sofiarighetti.it/2016/09/15/perche-in-fondo-tiziana-se-le-cercata/#comments Thu, 15 Sep 2016 11:17:16 +0000 http://www.sofiarighetti.it/?p=378  

L’altra sera ero al Dynamo, a Bologna, a intervistare Michela Zanardini, intervista che si è subito trasformata in una fantastica chiacchierata tra amiche. Abbiamo riso, bevuto, e riso ancora tanto.

Michela è bionda, con i capelli corti alla Charlize Theron, occhi chiari da gatta ed è un’attrice porno.

sofia-e-michelaCome dicevo, ci siamo trovate subito in sintonia, abbiamo riso e ci siamo raccontate aneddoti divertenti, altri imbarazzanti ridendo fino alle lacrime, a telecamere spente, tanto più che pure la nostra troupe sghignazzava alle nostre battute non riuscendo a farci stare composte.

Abbiamo chiamato Michela per raccontarci dei tabù riguardo il sesso che esistono ancora nel nostro paese, perché si fa così fatica a parlare di sesso in Italia, perché il sesso, invece che come la cosa più normale e naturale esistente al mondo, è ancora percepito come qualcosa di scabroso, vietato, da tenere nascosto.
A entrambe pareva una cosa assurda, senza senso che nel 2016 ci fosse ancora così tanto bigottismo, così tanto pudore e così poca informazione nei confronti di un’atto che tutti gli esseri viventi compiono fin dall’inizio dalla comparsa della vita, che tutti cercano, e che fa star bene, fisiologicamente e biologicamente. Umani e non umani, tutti.

Quella sera, mentre io e Michela scherzavamo insieme sul sesso e al contempo ne parlavamo in modo molto serio, una ragazza si è suicidata.

Una ragazza, Tiziana, che due anni fa ha fatto (e le hanno fatto) un video col cellulare dove faceva una fellatio a un altro ragazzo, il suo amante a quanto pare, e subito si è diffuso in rete a macchia d’olio, su internet, su whatsapp, su qualsiasi canale social.
Il video di questa ragazza ha fatto il giro d’Italia, con il suo nome e cognome, provocando una reazione morbosa che ha aizzato in poco tempo una pioggia devastante di insulti a Tiziana, insulti denigratori che la definivano “ troia, puttana, schifosa, devi morire e così tutte quelle come te”. La gogna mediatica si è diffusa sempre di più, il suo viso e le parole che diceva, sono state fatte oggetto non solo di gruppi su Facebook in cui Tiziana veniva umiliata e insultata a livelli estremi, ma ne sono state fatte parodie, canzoni, addirittura magliette.
Tiziana ha perso il lavoro, ha cercato di andare via dal suo paese, ha provato a sporgere denuncia e a cambiare identità, ma non ha retto al linciaggio e alla vergogna di cui è stata vittima per aver fatto del sesso orale a un ragazzo, e si è suicidata. Si è suicidata la sera stessa in cui io con Michela parlavamo di come fosse ancora così radicato il tabù del sesso in Italia.

Ora, a me non me ne frega niente se Tiziana stesse tradendo il fidanzato, se fosse poi stata lei a passare il video in via privata a tre suoi amici per farlo ingelosire. C’è pieno di coppie che si filmano durante momenti hard, come è pieno di coppie che si tradiscono, di ragazze che tradiscono i ragazzi e di ragazzi che tradiscono le loro fidanzate scopando in discoteca o in qualsiasi altro posto con altre in modi molto più squallidi e vigliacchi. Non è questo il punto.

Il fatto è che quel video su internet non doveva finirci, e se qualche coglione l’ha messo in rete non doveva avere una diffusione così ampia. Il fatto è che nessuno doveva ridere morbosamente vedendo una ragazza con nome e cognome fare un pompino, come se non ne avessero mai visto uno, come se non fosse la cosa più naturale del mondo. Nessuno doveva passarlo ad altri e farci le parodie. Il fatto è che Tiziana è stata vittima di stalkeraggio pesante in cui centinaia di utenti la minacciavano di morte, è stata coperta di insulti da tutta Italia perché stava facendo del semplice sesso orale a un ragazzo.

Mi chiedo, e purtroppo conosco già la risposta, se fosse stato un ragazzo a fare del sesso orale alla sua amante, dando della cornuta alla sua fidanzata, sarebbe successa la stessa cosa, la stessa gogna mediatica, avrebbero diffuso il video su internet o i suoi amici si sarebbero limitati a dargli una pacca sulle spalle e congratularsi con lui?

Purtroppo questo episodio schifoso e dalla conclusione orribilmente tragica ha messo in luce come il maschilismo, e qui lo dico e lo ripeto, MASCHILISMO, è ancora vivo e vegeto in una società in cui una donna che vive liberamente la propria sessualità è etichettata come troia, puttana, schifosa, messa sul patibolo da una schiera infinita di ipocriti che si divertono a sbeffeggiare una ragazza che fa una fellatio. E con maschilismo intendo che può essere messo in atto da maschi e femmine, in quanto a dispetto di qualsiasi solidarietà femminile ci sono state centinaia di donne che le hanno dato della puttana. Al pari dei giudizi isterici e rabbiosi dei maschi.

Come se le vostre madri non facessero sesso orale, come se non lo facessero le vostre sorelle, le vostre fidanzate o le vostre figlie.

La morbosità che ha assunto questa vicenda è agghiacciante, e denota per l’ennesima volta come ancora non si riesca a sconfiggere quel sessismo maschilista imperante che denigra la ragazza e la sua sessualità; mentre l’uomo che lo fa, e lo fa liberamente con il suo corpo e il suo essere, è considerato un figo.
La chiave che funziona bene se apre tutte le serrature e la serratura che è scadente e da buttare se “si fa aprire” da tutte le chiavi, avete presente no?

Tiziana è stata vittima di una violenza e di un linciaggio maschilista, esercitato sia da donne che da uomini, che non si è fermata neppure dopo la sua morte, che ha continuato con frasi come “ in fondo se l’è cercata” “poteva fare a meno di farsi filmare” “ che troia che ha tradito il suo ragazzo” “le sta bene” “ in gran parte è stata colpa sua” “ è la fine che si è scelta”.

Si è cercata cosa, di doversi vergognare di fronte all’Italia intera per aver fatto un pompino? Per aver tradito il suo ragazzo, cosa che, purtroppo, la stragrande parte delle persone fa, solo che lei ha avuto la sfiga di essere stata messa sul web da qualche suo conoscente?

Peccato che non ho mai sentito nessun uomo etero fare la stessa fine ed essere svergognato pubblicamente per aver fatto sesso con una donna, nemmeno se la stesse tradendo.

Peccato che tutti gli ultimi episodi di cyber-bullismo a tema sessuale abbiano avuto come protagoniste ragazze, tra le quali la ragazzina calabrese violentata ripetutamente cui il paese ha girato le spalle e la sedicenne filmata dalle sue amiche mentre veniva violentata in una discoteca.

Tanto siamo sempre lì, se sei femmina te la sei cercata, in fondo è colpa tua che ti permetti di bere a una festa e poi vieni violentata, è tua che ti permetti di mettere quella gonna un po’ corta, è tua che ti permetti di fare un pompino in una discoteca a un ragazzo che ti piace e che hai incontrato la sera stessa semplicemente perché ne hai voglia.
E il povero maschio di turno è costretto a subire, ovviamente.

Tiziana è morta vittima di un bigottismo ipocrita e malato le cui vittime sono le donne, e che ancora adesso striscia forte e imperante, e si alimenta ancora di più quando qualcuno fa notare che sì, il maschilismo esiste ancora, e diventa palese in casi come questo, ma viene ottusamente negato da uomini che hanno una fottuta paura anche solo ad ammetterne l’esistenza.

“Bitch is Right”, cantava un gruppo riot italiano, ora come non mai c’è la necessita di rivendicare il diritto al sesso, a vivere liberamente il sesso, il proprio corpo e la propria sessualità, senza distinzione di genere, spazzando via le risatine e gli indici puntati contro la puttana, la strega, la femmina da mandare al rogo.

E di ridere rilassate, e di poterne parlare e viverlo apertamente e senza tabù, come abbiamo fatto io e Michela l’altra sera. Femmine e maschi, senza alcuna distinzione.

Se da qualche parte mi puoi sentire, Tiziana, sappi che oltre a essere mortificata ho anche tanta, tanta, rabbia per quello che è successo. E tanta pena e schifo per tutti quelli che hanno contribuito a farti vergognare di una cosa di cui non c’è nulla da vergognarsi, e che fanno tutti.

Che la terra ti sia lieve, ragazza.

tiziana-cantone-2

 

]]>
http://www.sofiarighetti.it/2016/09/15/perche-in-fondo-tiziana-se-le-cercata/feed/ 5
New Shooting! http://www.sofiarighetti.it/2016/09/05/340/ http://www.sofiarighetti.it/2016/09/05/340/#respond Mon, 05 Sep 2016 14:41:49 +0000 http://www.sofiarighetti.it/?p=340 Ciao ragazzi!

Sono tornata da poco da Rimini e ho appena fatto uno shooting nuovo grazie alla bravura meravigliosa di Federico… Intanto vi posto queste, spero vi piacciano tanto quanto sono piaciute a me! 🙂

 

Hey guys!

Those are some pics from the photoset shooted by the wonderful Federico Arcuri, in Rimini! I really hope you enjoy them almost as I do! Great kisses to all!

All pics copyright: Federico Arcuri and Sofia Righetti

 

IMG_0871ok

0880

0767

IMG_0837def

IMG_0834mod1

IMG_1011mod4

]]>
http://www.sofiarighetti.it/2016/09/05/340/feed/ 0
Fiera della mia carrozzina http://www.sofiarighetti.it/2016/07/05/fiera-della-mia-carrozzina/ http://www.sofiarighetti.it/2016/07/05/fiera-della-mia-carrozzina/#comments Tue, 05 Jul 2016 12:33:53 +0000 http://www.sofiarighetti.it/?p=317 Sono abituata ad avere a che fare con i giornalisti, alle loro gaffe imbarazzanti quando si parla di persone con disabilità, ed ogni volta dover spiegare loro come si scrive, cosa scrivere e cosa non scrivere per non cadere in quel triste, superato, ignorante stereotipo che vede ancora la persona con disabilità come un povero disgraziato che “nonostante i suoi limiti” ( e qui partono le musichette struggenti e i fazzolettini) riesce a battere il destino che è stato così crudele con lui e a condurre una vita normale.

Ultimamente ho fatto molte interviste riguardo lo sport, la carriera agonistica e l’alimentazione vegana, sono stata chiamata come testimonial in moltissime conferenze e festival vegan e antispecisti a parlare di rispetto, diritti e uguaglianza oltre le specie, e a mostrare in prima persona come sia perfettamente coniugabile non solo avere un corpo sano ed atletico, ma vincere titoli e medaglie senza uccidere alcun animale.
La cosa che davvero mi ha riempito di gioia è stata che la gente veniva a salutarmi e congratularsi per i meriti etici, per la mia prestanza fisica, ma di certo non c’era alcun accenno sgradevole e fuori luogo al fatto che mi sposto con una sedia a rotelle.

In quasi tutte le testate vegan che mi hanno intervistata non vi era alcun accenno alla disabilità, al perché non cammino, e quisquiglie varie (a meno che non ci fossero riferimenti espliciti allo sci alpino paralimpico o al fatto che molti ristoranti vegan presentano ancora scalini e barriere architettoniche). Le domande e le descrizioni erano argute, intelligenti, non ho mai visto nessuno cadere in quel peloso pietismo “nonostante sia costretta sulla carrozzina” (costretta cosa poi?! Che la carrozzina è l’unico mezzo che ti rende tutta la libertà di questo mondo per muoverti, correre, viaggiare, vestirti ed avere una vita autonoma? È un po’ come dire che i miopi sono costretti a portare gli occhiali. Suona davvero ridicolo).

Eppure, il mese scorso vengo contattata da una giornalista di un magazine di cucina crudista. Rispondo a tutte le domande fatte via mail (tutte inerenti allo sci alpino, alla preparazione sportiva e alla dieta vegan, qualche accenno al fatto che faccio la modella e alla mia chitarra elettrica, e una domanda buttata lì se la mia disabilità fosse un incentivo o un ostacolo per stimolare a fare di più), mando le foto in alta risoluzione, e chiedo che mi venga fatta mandare una copia quando l’intervista fosse uscita (viste le domande così semplici, senza un accenno di presentazione non ho nemmeno pensato di chiedere di mandarmi l’intervista prima in modo da poterla vedere prima della pubblicazione).

Mi arriva il pdf dell’intervista.

Apro la pagina iniziale.

La prima riga: “A guardarla si nota tutto tranne la sua disabilità. Bella, affascinante, aggressiva, intelligente, sportiva, competitiva e amante degli animali. Ma di certo non diresti mai che sta su una sedia a rotelle”.

Ora, io mi chiedo: perché?

Perché nel 2016 ancora si crede che una donna sulla sedia a rotelle non possa essere bella, affascinante, aggressiva, intelligente?
Perché la sedia a rotelle deve ancora essere vista come uno stigma, qualcosa che crea disagio, una specie di aura oscura che va inevitabilmente a togliere valore alla persona?
Da quando in qua se sei su una sedia a rotelle devi per forza essere gracile (od obesa), stupida, brutta, indolente e anti-sesso?
Perché quando certa gente si accorge che sei in carrozzina o che hai una disabilità inevitabilmente cambia lo sguardo su di te, e i suoi neuroni vanno a legarsi in una serie di pregiudizi pietosi con cui manco Clara di Heidi doveva avere a che fare?

Una frase come ” Bella, affascinante, aggressiva, intelligente, sportiva, competitiva e amante degli animali. Ma di certo non diresti mai che sta su una sedia a rotelle” è esattamente come dire di Obama: “Incredibilmente intelligente, affascinante, sensibile, carismatico, potente e presidente degli USA. Ma di certo non diresti mai che è nero”.

Suona male, malissimo, e se un giornalista si permettesse di scrivere una cosa del genere verrebbe radiato o tacciato come razzista.
Io non lo vedo come un complimento il fatto che nessuno direbbe mai che sono in carrozzina, e credo fermamente che la frase introduttiva dell’articolo sulla sottoscritta sia discriminante ed offenda tutte le donne e le persone che per un motivo o per l’altro utilizzano una sedia a rotelle per spostarsi, oltre che alimentare un pregiudizio odioso e stupido.

Vado meravigliosamente fiera ed orgogliosa della mia carrozzina, l’ho scelta con la cura e la dovizia con cui si sceglierebbero un paio di gambe: eleganti, forti, femminili e funzionali, che stia perfettamente aderente alle mie forme e che sia fatta con i materiali migliori che ci offre l’ingegneria oggi.

Ragazzi miei, poggiare le chiappe sulla carrozzina non toglie e non da nulla. Non rende meno femminili e nemmeno più femminili.

Tutto nasce dalla testa, dal modo in cui ci si percepisce, e di fare delle proprie caratteristiche irripetibili e peculiari dei punti di forza, di seduzione, di unicità (esattamente come ho detto davanti a settecento persone al TEDxVerona).

Spero con tutto il cuore che arriverà il giorno in cui anche i mass-media scriveranno di una ragazza

“Forte, sexy, intelligente e terribilmente bella” E BASTA.

Senza nessun “nonostante sia nera/disabile/gay/lesbica/oversize” e pippe varie.

Perché la carrozzina non pregiudica nulla. Proprio come il colore della pelle.

Ah, questa è una foto di un set che mi hanno fatto pochi giorni fa.

1a

Direste mai che mi sposto con una sedia a rotelle?

Spero proprio di sì! ????

#proudofmywheelchair

Sofia Righetti

(articolo scritto inizialmente per www.disabilitystyle.it )

]]>
http://www.sofiarighetti.it/2016/07/05/fiera-della-mia-carrozzina/feed/ 4
Welcome! http://www.sofiarighetti.it/2016/07/01/welcome/ http://www.sofiarighetti.it/2016/07/01/welcome/#comments Fri, 01 Jul 2016 19:08:26 +0000 http://www.sofiarighetti.it/?p=121 Welcome to my website!

]]>
http://www.sofiarighetti.it/2016/07/01/welcome/feed/ 2